Non si poteva onorare il Grande Torino vincendo allo Stadium?

Non si poteva onorare il Grande Torino vincendo allo Stadium?

Il Granata Della Porta Accanto / Occorrerebbe avere coraggio, presentarsi a Venaria, vendere cara la pelle e dimostrare che un Grande Torino forse non tornerà mai più, ma il suo spirito è sempre vivo

di Alessandro Costantino

4 maggio 1949: una data infausta per chi tifava Toro e per tutti quegli italiani che nel Dopoguerra guardavano con vanto ed orgoglio alle gesta di Valentino Mazzola e compagni, simbolo nello sport della rinascita del Paese ad ogni livello. 4 maggio 2019: settant’anni dopo, il ricordo del Grande Torino è vivo più che mai e la sua celebrazione portata avanti con forza e immutata riconoscenza da tutto il mondo granata. Il 4 maggio è il giorno del raccoglimento, del rispetto e della memoria di una tragedia che ha segnato la storia italiana, ma ancor di più la storia di questo club e dei suoi tifosi.

Toro, tra occasioni mancate, prestiti e vendette l’Europa è ancora lì

Generazioni di capitani del Torino si sono trovati di fronte alla lapide commemorativa sul retro della Basilica a Superga ed hanno letto ad alta voce i nomi di tutti quegli uomini periti in quel fatale quanto terribile incidente. Un rito che va avanti da settant’anni e andrà avanti fino a che esisterà il Torino inteso come entità calcistica. Ciclicamente, però, capita che il 4 maggio sia un sabato o una domenica e che la squadra si trovi in ballo tra gli impegni ufficiali di campo e la salita al colle per la messa commemorativa. È capitato anche quest’anno quando la Lega ha fissato il derby di ritorno proprio come anticipo delle 15 di sabato 4 maggio. Il mondo Granata, dal presidente Cairo alla Maratona, fino addirittura ad un club di parlamentari, ha chiesto con fermezza, ed un certo sdegno, lo spostamento della partita per evitare il sovrapporsi con la tradizionale cerimonia commemorativa. Capisco perfettamente i motivi di tale richiesta e in linea di principio li condivido, però mi sono allo stesso tempo chiesto: non sarebbe una forma molto significativa di rispetto verso gli Invincibili giocare (e possibilmente vincere) il derby proprio nel giorno più importante del calendario granata?

Toro, dopo dieci anni un nuovo ds? La chiave sarà il rapporto con Cairo

I ragazzi del Grande Torino che persero la vita a Superga non erano in fondo calciatori (e che calciatori!) che amavano il gioco del calcio e che avrebbero apprezzato il venir ricordati (anche) su di un rettangolo verde in una sfida, tra l’altro, dal sapore e dal significato molto particolare già ai loro tempi? Siamo sicuri che questo diniego a giocare sia la maniera migliore per ricordare degnamente chi ha fatto la storia del club e del calcio italiano in generale? Personalmente trovo che si sia persa un’occasione forse irripetibile di celebrare in maniera così sostanziale il mito del Grande Torino. Qualunque calciatore abbia vissuto la celebrazione di Superga racconta di quanto sia speciale quel momento: se già in condizioni normali trasmette carica e adrenalina, quanto ne trarrebbero giovamento gli uomini di Mazzarri se per di più capitasse poche ore prima della partita più sentita della stagione da parte della tifoseria granata? Certo c’è il rischio figuraccia in caso di sconfitta, ma uscire dal campo al di là del risultato con la maglia zuppa di sudore e la consapevolezza di aver dato tutto non sarebbe aver onorato al meglio lo spirito tremendista del Grande Torino? Vincere un derby il 4 maggio sarebbe uno di quei racconti epici che andrebbe a rimpolpare l’immaginario collettivo della tifoseria granata.

Toro, tra Primavera e Prima Squadra c’è aria di Anni Ottanta

Occorrerebbe, però, avere coraggio a tutti i livelli, dal Presidente al terzo portiere, per presentarsi con una feroce determinazione in quello stadio, vendere cara la pelle e dimostrare che un Grande Torino forse non tornerà mai più, ma che il suo spirito audace e vincente non è mai andato perduto ma è diventato parte fondamentale dello spirito di questo club. Ci vorrebbe coraggio perché invece di preparare l’avvicinamento alla partita con le cuffiette nelle orecchie come fa la maggior parte dei calciatori, significherebbe farlo concentrandosi sul ricordo di quegli uomini straordinari, chiamati da tutti non a caso gli Invincibili. Ci vorrebbe coraggio perché occorrerebbe entrare a testa alta in casa di chi ambisce a battere i record del Grande Torino con la facilità con cui un Vettel oggi batterebbe Tazio Nuvolari usando la sua attuale macchina contro quella usata all’epoca dal campione pioniere. Ci vorrebbe coraggio e cuore sapendo che un derby il 4 maggio è ciò che ogni tifoso vorrebbe giocare in prima persona e che chi scendesse in campo sarebbe sostenuto fino allo stremo e pure un po’ invidiato. Alla fine così non sarà perché si sono mosse anche le autorità del calcio per spostare la partita ed il 4 maggio sarà interamente dedicato alla memoria, silenziosa e raccolta come da tradizione. Ma una vittoria allo Stadium non sarebbe stata affatto una brutta alternativa…


Da tempo opinionista di Projektowanie-stron-www, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

58 Commenta qui
  1. user-14142151 - 5 mesi fa

    a parte che non capisco perché nella firma si scriva “laureato in economia” : cosa significa, che ha più credibilità? bah… cmq mi dispiace, sobo in totale disaccordo : Superga per noi è un pellegrinaggio, il toro è fede, chi non è granata vero nin lo può capire. tutto il resto è contorno. verrà anche il momento di bastonare le merde, ma non confondiamoe cose. lasciare Superga per affrontare le merde, ma che insulto! FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GranataForce - 5 mesi fa

    Ricordo l’inchiesta di Report, ma non ricordo le conseguenze, ah si, il nulla, ricordo Cairo deferito, per le frasi come dire…umoristiche sul dopo derby, le ricordo tutte le porcate gobbe, ma come dice Tafazzi se gli striscioni li mettono il 3 o il 5 che cambia? Cambia invece dimostrare la superiorità morale, cosa che abbiamo già fatto, e rifaremo altre mille volte, voglio che la città e l’Italia che ci ricordi per il Robaldo di Tutti, del tifo corretto contro il Napoli (si può tifare Toro senza evocare il Vesuvio – cit. Ancelotti), degli alberi donati dalla curva Maratona per gli incendi e tante altre cose. Non Aver Paura e gurdarli con sdegno per la loro pochezza, tutti i giorni, non importa quale esso sia.
    Quello che noi siamo Resta, come resta quello che loro non sono e non saranno mai
    FORZA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ardi - 5 mesi fa

    A prescindere da tutto gli unici modi per poter realmente spostare la data sarebbero o che lo schifo passasse il turno con l ayax, e prego perché non sia così, o per motivi di ordine pubblico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. 1947 - 5 mesi fa

    In quel luogo infame i cori e gli striscioni beceri ci saranno anche il 3 o il 5 o comunque quando si giocherà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. abatta68 - 5 mesi fa

    Superga è la nostra storia, la nostra identità, il nostro sentimento…. tutto il resto è uguale a tutti gli altri. Se ci dimentichiamo di questo siamo fottuti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. André - 5 mesi fa

    Magari si potrebbe pure lavorare gratis ll primo maggio! Così si dimostra al padrone quanto forte é l’operaio, che l’operaio non ha paura e si ricorda per bene la lotta di classe…
    Tornando seri perché é un soggetto importante, quest’articolo semina solo zizzania perché mette assieme e fà parallelismi con sfere completamente diverse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

    Massì andiamo al merdastadium a farci negare un paio di rigori, fargliene regalare almeno uno ingiusto a loro, espellere ad cazzum 1-2 dei nostri, lasciare che quelli picchino come dei fabbri.
    Ma che bel modo di onorare il Grande Torino.
    Quanto accaduto a noi negli ultimi anni non conta? Va bene, guardiamo che cosa è successo sabato col milan.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iard68 - 5 mesi fa

      Esatto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13963316 - 5 mesi fa

    Sig. Costantino , mi permetta , ma non sono assolutamente d’accordo con lei!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. andrea.granata - 5 mesi fa

    Io penso che una cosa che non si è mai fatta in settant’anni sarebbe quella di ritirare tutti i numeri di maglia appartenuti agli Invincibili. In questo modo si creerebbe una bella separazione tra il Grande Torino e quello attuale. Quanti hanno indossato la nostra maglia senza meritarlo? (Zaza??). Il giorno che poi avremo un fenomeno che merita la maglia, allora gliela ridiamo. E si potrebbe anche perdere un derby perché ce lo rubano il 4 maggio, senza che i giocatori del Grande Torino centrino qualcosa. Non giocare sa di paura, è inutile contarsela..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. tafazzi - 5 mesi fa

    Invece se ci andiamo il 3 tutto a posto? Ahahahah. Viva l’Itaglia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. GranataForce - 5 mesi fa

    Qui leggo tanta paura…, ma dov’è finito il Tremendismo Granata tanto evocato da molti di fronte a prestazioni opache, perdere, vincere o pareggiare non intaccherebbe minimamente il ricordo, la gloria, la stima che tutto il mondo dello sport ci riconosce, qui non si deve pensare di miscelare la Storia, ma di scrivere nuove pagine altrettanto Grandi. Carichiamo la squadra. Partiamo e mettiamoci intorno al Mer…..um, anzi io farei la commemorazione alle 12:30 e la partita alle 20:30, Non Ci Sarebbe Rifinitura Migliore
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. abatta68 - 5 mesi fa

    La commemorazione per un evento storico non ha mai nulla a che fare con la sua riproposizione… per questo è una commemorazione, non ci vuole molto a capirlo! Battere o meno la Juve non è nulla al cospetto, sono solo persone che corrono dietro ad un pallone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-13973712 - 5 mesi fa

    secondo me ha riassunto benissimo in due righe Roberto zanabon (che poi è stato il primo a commentare. Il merda stadium è un luogo rivoltante dove l’illegalità trionfa, avallata dal servilismo di stampa e TV, e dalla complicità delle società più forti che tacciono sempre per potersi spartire una fetta di torta. Il ridicolo o, meglio, il penoso è che tutti sanno (i gobbi per primi) ma nessuno reagisce. C’È quasi da preferire la mafia, altro che giocare il derby il 4 maggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. user-14013284 - 5 mesi fa

    tafazzi…. come ti ho già detto altre volte, continua a picchiarti sui coglioni… ma con una bottiglia di vetro, così ti levi di mezzo e le tue stronzate non dobbiamo più sorbircele…. abbiamo capito che non hai il senso di inferiorità nei riguardi delle MERDE, ma stai tranquillo nessuno di noi ce l’ha, nessuno di noi ha paura di perdere, sei tu che sei presuntuoso e non capisci un cazzo di cosa rappresenti il 4 Maggio per noi veri tifosi granata, perciò facci un piacere, stai zitto e non infangare chi non la pensa come te e di conseguenza ” GLI INVINCIBILI” Le MERDE rimangono merde, ladri, truffatori, sporchi e mafiosi…. perciò che ti piaccia o no…niente derby il 4 Maggio a costo di non scendere in campo, se tu vuoi presenziare, puoi sempre andare a visitare la fogna quel giorno e vedrai che il tanfo con te dentro aumenterà di parecchio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. gianTORO - 5 mesi fa

    Alessadnro…sicuro di essere tifoso del Toro fino al midollo? ma dove vivi?? ma ancora pensi che qualcuno possa andare nello stadio delle merde a vincere?? hai visto ieri contro il milan spero…giusto per dire la più fresca. specie il 4 maggio ci massacrerebbero senza farsi scrupoli ne problemi sti pezzi di m. su dai ottimismo va bene ma l’ottimismo a prescindere è poco intelligente…usando un fine eufemismo.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. BACIGALUPO1967 - 5 mesi fa

    Spacchiamo il culo a sti stronzi ma non il 4 maggio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. sylber68 - 5 mesi fa

    Costantino, ma che minchia stai dicendo? Ma ancora ti fanno scrivere? Non dire eresie!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. user-13963758 - 5 mesi fa

    onoreremo il grande torino visitando il mrd stadium e l’area 12 🙂 peggio x loro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. iard68 - 5 mesi fa

    No. Allo Stadium il Toro non dovrebbe neppure scendere in campo, finché non sia cambiata la proprietà dei ladri e quella nuova non abbia dimostrato di essere avversario più onesto. Non credo possa capitare nel corso della mia vita… anche se ho “solo” 50 anni… Auguri ai più giovani…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. DavideGranata - 5 mesi fa

    Vedo che ci sono molti, troppi “tifosi”, qui, che non vedono l’ora di far festeggiare lo scudetto alle merde zebrate portando in dono e su un piatto d’argento l’umiliazione di un derby perso proprio il 4 maggio, il Giorno della Memoria.

    Costoro NON sono Tifosi Granata, bensì merde bianconere infiltrate nel forum.

    Poco ma sicuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tafazzi - 5 mesi fa

      Nel tuo commento si evince il tuo senso di inferiorità. Io sarò una merda ma tu sei un coniglio fallito.
      L’interesse per il risultato è fine a stesso. La mia fede va molto al di là di un cazzo di derby. Non sarà perdendo un derby che può scalfire l’orgoglio di essere granata. Comprendo chi è contrario a giocare in assoluto il giorno della memoria ma quelli come te che non vogliono giocare per paura di perdere mi fanno più schifo dei gobbi.
      PD che cazzo siamo diventati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. DavideGranata - 5 mesi fa

        Ti sei sentito “coinvolto”..??? Guarda guarda..!!!

        Eppure non ti ho citato per nulla..!!!

        Per il resto sei solo un bifolco maleducato che ha fatto dell’insulto la sua ragione di vita.

        Non sei nemmeno degno di essere del Toro, figurati essere degno del Giorno della Memoria.

        L’essere un fallito è solo un tuo problema, il quale evidentemente si amplifica seriamente, allorquando trovi uno specchio in cui si riflette la tua nullità.

        E questo tu lo sai benissimo.

        Vergognati, bifolco fallito, il tuo linguaggio ti qualifica per quel che sei.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. tafazzi - 5 mesi fa

          “Merda bianconera infiltrata” evita di renderti ridicolo più di quanto sei già.
          Sul resto sorvolo, lo lascio ai leoni da tastiera come te che scrivono senza sapere un cazzo, ma che nella vita reale non si muovono per paura di essere “umiliati”.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. DavideGranata - 5 mesi fa

            Poveretto: il tuo odio, il tuo rancore i tuoi insulti vergognosi e la tua frustrazione infinita ti portano ad essere il fallito che sei.

            Per il Toro e per gli Invincibili sei solo un disonore e una moneta falsa.

            Vergognati, buzzurro.

            Mi piace Non mi piace
        2. tafazzi - 5 mesi fa

          “Costantino, con questo articolo ridicolo hai dimostrato di stare al Torn degli Invincibili come un ratto sta ad una casa signorile”
          Non c’è bisogno dei gobbi, ci pensi da solo ad umiliarti.
          La finisco qui perché l’hanno capito tutti che sei un dissociato mentale.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. DavideGranata - 5 mesi fa

            In effetti, da quello che scrivi, la dissociazione mentale è l’ultimo dei tuoi problemi.

            Dovresti, più che altro, pensare a curarti la tua forma di schizofrenia.

            Il mio termine di paragone non è nemmeno lontanamente associato ai tuoi insulti gratuiti e vergognosi e ai tuoi conati di rabbia da paranoico conclamato.

            Mi piace Non mi piace
  21. Rayo - 5 mesi fa

    La notizia nei tg è radio deve essere quella del Grande Torino non il risultato, qualunque esso sia, del derby. 70 anni di storia e leggenda da onorare. 90 minuti possono aspettare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rayo - 5 mesi fa

      .. Tg e radio..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. ToroMeite - 5 mesi fa

    Beh, tanto per rendere l’idea, io non andrei mai a trascorrere un giorno speciale della mia vita a casa di un collega, che non rispetta mai niente e nessuno, che da sempre usa tattiche e metodi sleali per tenere sotto scacco tutto e tutti.
    Quei ratti non sono degni di ospitarci proprio quel giorno. E poi il derby allo Stadium non lo vinceremo mai, perché pure con la partita perfetta si inventerebbero qlc. per non farci uscire vincitori. La storia insegna, vedi quel derby con l’espulsione di Acquah per intervento pulito sulla palla, che ad oggi ancora grida vendetta e non troverá mai minima giustizia. Anzi la vecchia ladrona continua in quel contesto di falsitá ed omertá a fare indisturbatamente i cavoli propri senza che nessuno le renda mai realmente conto degli innumerevoli maltolti causati qui e lí per lo Stivale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 5 mesi fa

      Sei proprio INSENSIBILE!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. sarino - 5 mesi fa

    Per favore non tocchiamo gli invincibili. Presidente mi accontenterei della squadra che ha alzato la Coppa Mi spiace dirlo ma questa squadra non è neanche la brutta copia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. André - 5 mesi fa

    Articolo scandaloso a mio avviso…avviso di cuore e fede GRANATA.
    Il 4 maggio é un giorno sacro, di memoria e che va vissuto come tale. Un giorno sacro, un giorno speciale e quindi diverso da tutti gli altri giorni. Un giorno di memoria.
    Se si ha memoria, ogni domenica si pensa al Grande Torino e a cosa rappresenta. Ogni domenica la maglia gronda di sudore e sangue come era quella degl’Invincibili.
    Memoria che diventa sempre più corta perché solo qualche mese fa in una puntata di Report, si portava a galla le nefandezze di striscioni e comportamenti ingiuriosi, ad oggi senza reali scuse o provvedimenti, nei confronti di quella gloriosa squadra e della nostra storia. Giocare? Nello stadio dove si vogliono distruggere proprio questi valori? Per dimostrare cosa? Il Toro in questo senso non ha nulla da dimostrare. Il derby lo vinciamo lo stesso il 5, il 6 o il 31 febbraio!
    FORZA TORO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. fabrizio - 5 mesi fa

    certo che sarebbe bello onorare il grande torino con una vittoria allo stadium. Se si giocasse ad armi pari…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. user-13693767 - 5 mesi fa

    sono d’accordo con Renato…inoltre anche facendo una partita stratosferica ci sarebbe il solito arbitro che non permetterebbe che uscissimo dal merda stadium vincitori nel giorno della nostra memoria..sarebbe troppo uno smacco per loro pur se già campioni d’Italia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. angelo - 5 mesi fa

    vorrei ricordare che nel 2014 fummo costretti a giocare con il chievo (mica il Barcellona) e se la lega non fece nulla per cambiare la data allora, figuriamoci oggi. Concordo che in questo contesto la cosa migliore sarebbe ripetere quanto fatto allora: vincere e celebrare 2 volte in modo degno gli Invincibili (quelli VERI)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. P. Bruno oanimale - 5 mesi fa

    Grande pietrocuoregranata, I pigiami non sanno cosa vuol dire Rispetto. L’educazione viene insegnata dai genitori, loro non sono stati educati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. CUORE GRANATA 44 - 5 mesi fa

    No caro Costantino non condivido la Sua retorica “un tanto al kg.! “Il 4 maggio non si può né si deve giocare!!!FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. PietroCuoreGranata - 5 mesi fa

    Giocare si o giocare no il 4 Maggio?Bel dilemma…credo che tutte le argomentazioni messe in campo,dai pro ai contro,sono comprensibili.Poi,roba da scherzi a parte,proprio coi pigiami di provincia…ma un’osservazione,perché basata su fatti reali,va fatta.In questa data a noi (ma dovrebbe esserla per tutti) assai cara e dolorosa,s’è già giocato.L’ultima se non erro quando c’era Ventura,un Chievo-Torino con vittoria nostra e rapido rientro della squadra a Torino per la salita al colle nel tardo pomeriggio.Ecco..ora sta a capire cosa significa onorare e rispettare chi non c’è più.Vale sempre,spesso,a volte,ogni tanto…boh!!Per me dovrebbe valere sempre,nel senso che o non si gioca mai o si gioca e basta come è già capitato,onorando l’impegno con ovvi sentimenti contrastanti,(che potrebbero riassumersi come il non piegarsi alla vita intesa come morte),ma affrontando il dolore con dignità e testa alta da uomini.Se realmente in questo paese si sarebbe voluto onorare questa data e cosa ha rappresentato,in 70 anni non ci sarebbero state eccezioni o problemi di calendario.Ma laddove ormai non c’è rispetto per i vivi,figuriamoci se può esserci per i defunti… W Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. P. Bruno oanimale - 5 mesi fa

    Noi Granata siamo stati educati dai NONNI (tifosi) GRANATA che le migliori vittorie, nello sport e nella vita, arrivano soffrendo sudando e non mollando mai.Se si giocherà contro i GALEOTTI nel 70esimo anniversario dei Mitici propongo:
    1)inizio partita ore 15 o
    18 tutti fuori dal merdastadium a far sentire incitamento ai 11 leoni la messa la facciamo lì con benedizione dei Mitici, poi a Superga.
    2)inizio partita alle 20.30 messa, Superga, e tutti al merdastadium a incitare 11 leoni.
    Nei due casi saranno le merde ad uscire da casa loro(le vallette) fin quando noi non lasceremo il merdastadium.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. FVCG77 - 5 mesi fa

    No, no ed ancora no. Superga è tragedia, mito, storia e anche fede (calcistica e non). Tutto questo non c’entra nulla con una partita di campionato, soprattutto con quelli là. Questa è la nostra immagine nel mondo, viene prima di tutto; è qualcosa che è solo nostro e ci distingue. Che poi, parliamoci chiaro, in caso di vittoria si direbbe che ci hanno dato il contentino, in caso di sconfitta apriti cielo.
    Non mischiamo il mito con il resto. Possiamo vincere il derby in un altro giorno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. renato - 5 mesi fa

    Caro Costantino, in linea di principio potresti anche avere ragione; quale migliore occasione per celebrare degnamente un anniversario così sentito?
    Quello che mi frena in questa visione “idiliaca” sono gli avversari, giocatori ma soprattutto società e tifosi. Non riesco ad immaginare una signorilità ed un’eleganza da parte degli attuali dirigenti loro, meno che meno da parte dei loro tifosi che coglierebbero al volo l’occasione per esporre striscioni vergognosi, cori beceri e tutto il loro repertorio di volgarità e squallore verso una leggenda che loro non raggiungeranno mai.
    Ripeto, se dall’altra parte ci fosse la signorilità e la sportività si potrebbe anche fare, ma ho la sensazione che queste parole siano ormai dimenticate da troppo tempo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. DavideGranata - 5 mesi fa

      Bravo Reanto, quelle merde non aspettano altro che umiliarci nel Giorno della Memoria.

      E qualche “tifoso 2.0” qui sopra, vorrebbe portare alle merde quest’occasione su di un piatto d’argento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Willbull75 - 5 mesi fa

        Bei kagambrage i vecchi tifosi, certo che se non pensiamo più neanche noi tifosi alle imprese impossibile allora cosa chiedete ai giocatori.. giusto vi siete fatti anestetizzare dalle merde e vi va bene vivere nella mediocrità. Che pena…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Willbull75 - 5 mesi fa

          Kagambraghe

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. DavideGranata - 5 mesi fa

          La pena siete voilatri “2.0” che non capite la differenza esistente tra una partita di calcio e il Giorno della Memoria e che continuate a sostenere la cairese e i suoi lecchini.

          Voialtri il TORO vero non sapete nemmeno che cosa sia, Invincibili compresi.

          Più che pena, date il voltastomaco e meritate quello che braccino vi “regala” da 14 anni a questa parte.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. steacs - 5 mesi fa

    Giusto non giocare, questa societá e questi giocatori non hanno nulla in comune con quel Torino, se mai un giorno ci saranno una societá, un ds, un allenatore e dei giocatori che danno l’anima non solo una partita ma tutte le partite allora sono d’accordo con l’autore che non ci sará modo migliore per onorarli che scendere in campo in questa data.

    Fino ad allora, non si dovrebbero nemmeno chiamare con lo stesso nome ne indossare la stessa maglia, ma io sono un romantico di un calcio che non c’é piú spazzato piú di chiunque altro da presidenti come il nostro genuflesso nei confronti di presidenti come quello dei gobbi che hanno talmente poco da questa vita che riescono a gioire vincendo in maniera dubbia persino con una squadra dal valore economico e sportivo triplo nei confronti degli altri partecipanti a questo campionato di figuranti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gior_425 - 5 mesi fa

      E cosa ci fai qui a commentare sul forum di una squadra che non senti tua?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Stufodellamediocrita' - 5 mesi fa

    Io avrei giocato, dando l’anima per vincere, quale modo migliore per ricordare gli Invincibili?
    Tra l’altro con le merde già vincitrici dello scudetto e con la testa alla semifinale di ritorno della Champions (purtroppo non credo l’Ajax ci faccia il regalo…), se mettessimo il.cuore oltre l’ostacolo potremmo anche farcela davvero…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. byfolko - 5 mesi fa

    E ricordo che ”quelli” saranno pure gobbi, merde, ladri e mafiosi, ma parlando strettamente di calcio sono 3 categorie sopra di noi, quindi eviterei di fare l’ennesima figura di merda proprio quel giorno perchè già mi immagino gli Invincibili mettersi le mani nei capelli , da lassù. Rispettiamo quei giocatori giocando il nostro derby in un’altra data, senza dargli significati particolari. Che è meglio per tutti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. Willbull75 - 5 mesi fa

    Non avrei potuto esprimere meglio quello che anche io provo! Ripeto che se in campo ci fossero bruno policano tarzan, il derby quel giorno lo vinceremo anche in 9. Magari tra dieci anni ancora si parlerà chesso’ di izzo n’kolou belotti e rincon che per noi vinsero un derby allo kakastadium nel giorno del ricordo degli invincibili

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. byfolko - 5 mesi fa

    ”Non si poteva onorare il Grande Torino vincendo allo Stadium?” Si, appunto, vincendo. Siccome vincere contro le merde, nel loro stadio, è meno probabile che trovare 1 milione di euro per strada, direi che sarebbe meglio starcene tranquilli e giocare in un’altra data.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. dariog - 5 mesi fa

    Concordo. Andrebbe giocata una Partitona, e poi si va a Superga.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. DavideGranata - 5 mesi fa

    Costantino, con questo articolo ridicolo hai dimostrato di stare al Torn degli Invincibili come un ratto sta ad una casa signorile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. tafazzi - 5 mesi fa

    La penso esattamente cosi, vuoi mettere il corteo di macchine vs non ho capito ancora dove avverrà la celebrazione, dopo una vittoria con i gobbi? Dovesse arrivare una sconfitta, per me potrebbe diventare una seconda marcia dei cinquantamila.
    Noi siamo il Toro, quale occasione migliore per dimostrarlo, a prescindere dai risultati della squadra.
    Tutto l’ambiente, dal presidente all’ultimo dei maicuntent dovrebbe tirare fuori le palle, affrontare questa giornata con il petto gonfio e a testa alta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. DavideGranata - 5 mesi fa

      Noi siamo “quelli di adesso” (cit. Paolo Pulici), dunque ti prego di non dimeticarlo e di evitare che, dopo l’ennesima figura di merda al merdastadium, il 4 maggio si trasformi in un giorno di disonore per i Mitici Invincibili, i quali si rivolterebbero nella tomba.

      I gobbi di merda non aspettano altro che darci l’ennesima umiliazione nel Giorno della Memoria.

      E noi dovremmo portargliela su di un piatto d’argento…???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. user-13758358 - 5 mesi fa

    tra il dire e il fare ci son di mezzo i gobbi…e tutto quello che si portano dietro….forse c’è timore ma non è sicuramente improbabile, se non piu probabile, perdere e ricordare un 4 maggio con sconfitta nel derby dà fastidio. bisogna essere onesti. certo una vittoria passerebbe alla storia. un amletico dubbio…mimmobg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. robertozanabon_821 - 5 mesi fa

    Nel giorno della Memoria, non si può andare a sporcarci i piedi nel luogo più antisportivo del Mondo. Stop.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy